fbpx

<<Fai sempre così ogni volta che mangi del cibo? Da quanto tempo non sei soddisfatta come si deve?>> Oddio, non mi sono neanche accorta dei suoni che stava producendo la mia gola. Con il pezzo di pizza a mezz’aria mi ritrovo a fissare B che ha uno sguardo incandescente. I suoi occhi sono diventati più intensi. <<Non credo siano affari tuoi.>> <<Se hai questo rapporto con il cibo, me lo fai ben pensare. L’hai fatto anche mentre gustavi il tuo panino.>>
<<Beh, non ci faccio caso. Forse Perchè mi piace il cibo.>> Stavo deviando la conversazione. <<O forse devi essere soddisfatta in altri modi.>> Ripete. 
tengo impegnata la mia bocca masticando lentamente, non voglio parlare della mia vita sessuale, tantomeno con l’uomo che risveglia i miei sensi e la libido. <<Va bene, principessa. Prima o poi dovrai cedere.>>

<siamo arrivati.> Mi volto e incontro i suoi occhi azzurri, sono così intensi che mi fanno perdere un battito. Vogliono dire tutto e vogliono fare altrettanto. La carica elettrica tra di noi sta diventando sempre più forte, i nostri corpi si muovono senza dare voce alle parole, sono loro che parlano per noi. B si avvicina sempre di più alle mie labbra, ma si ferma come per chiedermi il permesso. <Vai straniero, non ti fermeró questa volta.> Il bacio arriva travolgente e pieno di passione, è una gara di lingue e morsi, baci mai dati che sono stati lì per troppo tempo. Ci stacchiamo. <Vuoi salire?> Neanche il tempo di girarmi e mi ritrovo caricata sulla sua spalla a penzoloni, con il suo sedere davanti alla mia faccia. <Dammi le chiavi principessa.> <Sono nella tasca della giacca, ultimo piano, devi inserire il pin nell’ascensore. 2987> Sembra una gara, l’urgenza, la voglia che abbiamo l’una dell’altro è palpabile nell’aria. <Mettimi giù, riesco a camminare da sola.> <Non quando avró finito con te, principessa.>

<<Sono le undici di sera e stai ancora lavorando? >> la sua voce s’insinua tra i miei pensieri, sollevo lo sguardo e lo trovo con una scatola di pizza e due birre. << Non voglio rimanere indietro con il lavoro. Non dovevi rimanere anche tu fino a quest’ora.>> <<Ti ho detto che l’avrei fatto. Non sono un uomo che non fa ció che dice.>> Il suo sguardo è intenso, tanto da farmi credere che mantenga sempre le
Promesse date. Poggia la scatola della pizza sulla mia scrivania e apre le due bottiglie di birra con il mazzo di chiavi che prende dalla tasca. << Sei un uomo dalle mille risorse!>> <<Non sai quante, principessa!>>

<siamo arrivati.> Mi volto e incontro i suoi occhi azzurri, sono così intensi che mi fanno perdere un battito. Vogliono dire tutto e vogliono fare altrettanto. La carica elettrica tra di noi sta diventando sempre più forte, i nostri corpi si muovono senza dare voce alle parole, sono loro che parlano per noi. B si avvicina sempre di più alle mie labbra, ma si ferma come per chiedermi il permesso. <Vai straniero, non ti fermeró questa volta.> Il bacio arriva travolgente e pieno di passione, è una gara di lingue e morsi, baci mai dati che sono stati lì per troppo tempo. Ci stacchiamo. <Vuoi salire?> Neanche il tempo di girarmi e mi ritrovo caricata sulla sua spalla a penzoloni, con il suo sedere davanti alla mia faccia. <Dammi le chiavi principessa.> <Sono nella tasca della giacca, ultimo piano, devi inserire il pin nell’ascensore. 2987> Sembra una gara, l’urgenza, la voglia che abbiamo l’una dell’altro è palpabile nell’aria. <Mettimi giù, riesco a camminare da sola.> <Non quando avró finito con te, principessa.>

[…] <<sai dovresti sorridere un pó di più, sei stupenda quando lo fai.>> Ora i suoi complimenti mi stavano facendo arrossire. La sua mano era ancora sul mio viso e si spostava su e giù in una dolce carezza, alzo gli occhi e li intreccio con i suoi sento il bisogno di baciarlo. Voglio sentire quelle labbra sulle mie, voglio che mi stuzzichi la lingua, voglio sentire il suo sapore e ricordarlo per sempre… […] <<avanti Zoe, fallo. Baciami principessa.>>…. 

<<Sono le undici di sera e stai ancora lavorando? >> la sua voce s’insinua tra i miei pensieri, sollevo lo sguardo e lo trovo con una scatola di pizza e due birre. << Non voglio rimanere indietro con il lavoro. Non dovevi rimanere anche tu fino a quest’ora.>> <<Ti ho detto che l’avrei fatto. Non sono un uomo che non fa ció che dice.>> Il suo sguardo è intenso, tanto da farmi credere che mantenga sempre le
Promesse date. Poggia la scatola della pizza sulla mia scrivania e apre le due bottiglie di birra con il mazzo di chiavi che prende dalla tasca. << Sei un uomo dalle mille risorse!>> <<Non sai quante, principessa!>>

<siamo arrivati.> Mi volto e incontro i suoi occhi azzurri, sono così intensi che mi fanno perdere un battito. Vogliono dire tutto e vogliono fare altrettanto. La carica elettrica tra di noi sta diventando sempre più forte, i nostri corpi si muovono senza dare voce alle parole, sono loro che parlano per noi. B si avvicina sempre di più alle mie labbra, ma si ferma come per chiedermi il permesso. <Vai straniero, non ti fermeró questa volta.> Il bacio arriva travolgente e pieno di passione, è una gara di lingue e morsi, baci mai dati che sono stati lì per troppo tempo. Ci stacchiamo. <Vuoi salire?> Neanche il tempo di girarmi e mi ritrovo caricata sulla sua spalla a penzoloni, con il suo sedere davanti alla mia faccia. <Dammi le chiavi principessa.> <Sono nella tasca della giacca, ultimo piano, devi inserire il pin nell’ascensore. 2987> Sembra una gara, l’urgenza, la voglia che abbiamo l’una dell’altro è palpabile nell’aria. <Mettimi giù, riesco a camminare da sola.> <Non quando avró finito con te, principessa.>

<siamo arrivati.> Mi volto e incontro i suoi occhi azzurri, sono così intensi che mi fanno perdere un battito. Vogliono dire tutto e vogliono fare altrettanto. La carica elettrica tra di noi sta diventando sempre più forte, i nostri corpi si muovono senza dare voce alle parole, sono loro che parlano per noi. B si avvicina sempre di più alle mie labbra, ma si ferma come per chiedermi il permesso. <Vai straniero, non ti fermeró questa volta.> Il bacio arriva travolgente e pieno di passione, è una gara di lingue e morsi, baci mai dati che sono stati lì per troppo tempo. Ci stacchiamo. <Vuoi salire?> Neanche il tempo di girarmi e mi ritrovo caricata sulla sua spalla a penzoloni, con il suo sedere davanti alla mia faccia. <Dammi le chiavi principessa.> <Sono nella tasca della giacca, ultimo piano, devi inserire il pin nell’ascensore. 2987> Sembra una gara, l’urgenza, la voglia che abbiamo l’una dell’altro è palpabile nell’aria. <Mettimi giù, riesco a camminare da sola.> <Non quando avró finito con te, principessa.>

[…] <<sai dovresti sorridere un pó di più, sei stupenda quando lo fai.>> Ora i suoi complimenti mi stavano facendo arrossire. La sua mano era ancora sul mio viso e si spostava su e giù in una dolce carezza, alzo gli occhi e li intreccio con i suoi sento il bisogno di baciarlo. Voglio sentire quelle labbra sulle mie, voglio che mi stuzzichi la lingua, voglio sentire il suo sapore e ricordarlo per sempre… […] <<avanti Zoe, fallo. Baciami principessa.>>…. 

Ringrazio il blog RECENSIONI YOUNG ADULT per aver fatto la cover reveal del mio libro LEGATE PER SEMPRE 

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai tutti gli aggiornamenti su tutte le prossime uscite.

Sito progettato da Diemmeweb.com